Posts Tagged ‘Cleveland’

Cleveland e Buffalo

ottobre 2, 2008

Amici ciao! Ieri sera ci siamo trattati bene e dopo 1 settimana di hot dog e schifezze varie, abbiamo cenato in un ristorante deluxe (XO Prime Steaks, al 500 W. di St Clair), pesce, carne, vino rosso italiano e… un conto bello salato! Ma va bene così, ogni tanto ci vuole. Tinto e Ric poi si sono fermati in un locale in centro a fare festa, io sono volato in hotel perchè ero stanco e dovevo aggiornare il blog.

Cleveland by night

Cleveland by night

Questa mattina, a Cleveland, abbiamo visitato la Rock and Roll Hall of Fame, un museo che raccoglie strumenti, vestiti, foto e curiosità di chi ha fatto la storia della musica americana e non solo. Fermarsi davanti al pianoforte di John Lennon e pensare che lui in persona ha toccato quei tasti mentre scriveva Imagine, è stato emozionante. Così come leggere il foglio originale su cui Jimi Hendrix ha scritto Purple Haze o guardare le chitarre con cui Eric Clapton ha suonato assoli da brividi.

Rock and Roll Hall of Fame museum

Rock and Roll Hall of Fame museum

Il testamento di Jim Morrison (foto "abusiva")

Il testamento di Jim Morrison (foto "abusiva")

Come potete leggere dalla didascalia nell’immagine qui sopra, le foto non erano permesse in questo museo. Noi, naturalmente, non abbiamo resistito e qualcuna ne abbiamo fatta, chi in modo più discreto con il telefonino, chi spudoratamente con macchina fotografica e teleobiettivo. Quest’ultimo di noi (che non vi diremo ora chi è dei 3), è stato letteralmente “preso per le strazze” (vestiti) e buttato fuori dal museo (qui non scherzano… lo sappiamo bene ormai). Non vi diciamo chi di noi è “uscito”, perchè… chiediamo a voi di indovinarlo. Ecco quindi il primo…
THE READERS COMPETITION: Chi tra noi ha scattato una foto con la macchina fotografica ed è stato sbattuto fuori dal museo? Matteo (Sir), Andrea (Tinto) oppure Ric? 
Rispondete con un commento a questo post. Chi indovinerà (da qui al prossimo post) vincerà una stilosissima Tshirt dell’X-ide, il nostro sponsor. Good Luck! 😉

Buffalo

Buffalo's girl with X-ide's Tshirt

E’ di oggi anche la nostra prima multa ufficiale: 25 $ per un divieto di sosta. Dobbiamo stare più attenti, shit!

Sir e la prima multa (rido per non piangere)

Sir e la prima multa (rido per non piangere)

Salutata Cleveland ci siamo rimessi in viaggio. Altri 250 km circa ed eccoci arrivati a Buffalo, cittadina sul confine con il Canada, la più vicina alle Cascate del Niagara. Abbiamo trovato (con Booking.com) una buona sistemazione per la notte a Niagara Falls (a 20 km a nord da Buffalo), al Swiss Cottage Inn, un motel a due passi dalle cascate (al 6831 di Niagara Falls Blvd.). Domani è… show time! 

In generale va tutto bene, tranne il tempo che da alcuni giorni non ci dà tregua: vento e pioggia ci accompagnano ovunque, speriamo che nei prossimi giorni migliori altrimenti troveremo parecchio freddo in Canada.

Rain on the window

Rain on the window

Grazie a tutti per l’entusiasmo con il quale ci continuate a seguire. Questo viaggio senza di voi non sarebbe lo stesso! 

Spese del giorno
Generali: 66 $ museo Rock and Roll, 58 $ motel, 3 $ autostrada (tot 127 $)
Sir: 7 $ pranzo, 2 $ autogrill, 23 $ cena (tot 32 $)
Ric: 7 $ pranzo, 6 $ autogrill, 42 $ cena, 7 $ serata (tot 62 $)
Tinto: 8 $ pranzo, 4 $ autogrill, 42 cena, 7 $ serata (tot 61 $)

Km percorsi: 320
Multe: 25 $ (divieto di sosta) 

Frase del giorno: Anything you want, let’s do it. (Jim Morrison)
Canzone del giorno: Oh boy – Buddy Holly

One way... Cleveland

One way... Cleveland

Annunci

from Pittsburgh to Cleveland

ottobre 1, 2008

E così avete scelto, ci mandate alle Cascate del Niagara. Così sia! Buffalo e le famose cascate hanno avuto la meglio su Detroit (13 voti contro 7). Siamo contenti anche noi, perchè ci sarebbe dispiaciuto non visitare uno dei più incredibili spettacoli al mondo che la natura offre. Ora possiamo anche dirvi che Detroit è considerata la città più pericolosa degli Stati Uniti (secondo uno studio annuale dell’FBI, che tiene conto del tasso pro-capite di omicidi, violenze sessuali, rapine, assalti aggravati e furti d’auto) quindi, questo può essere un buon motivi per non aver rimorsi nei confronti della “città di Eminem” e delle grandi aziende automobilistiche. 
Tranquilli comunque, visiteremo anche St. Louis prossimamente, al secondo posto della classifica sul crimine. 🙂

Dopo la notte in motel (camera fumatori… sembrava di essere dentro un posacenere dalla puzza che c’era) siamo andati all’Andy Warhol Museum. Il King della Pop Art era un personaggio eclettico e particolare. Nei sette piani del museo sono raccolte foto, quadri, articoli di giornale e opere varie. Da visitare assolutamente se si passa a Pittsburgh.

Andy Warhol

Andy Warhol

 Ultimo giro per le strade di Pittsburgh, un po’ di promozione…

Pittsburg's girl with X-ide tshirt

Pittsburg's girl with X-ide Tshirt

…e via verso Cleveland, nell’Ohio, la nostra 5° tappa. 
Considerazione veloce: gli americani, mangiano di tutto, dappertutto! E’ una cosa indescrivibile: ci sono paesi che hanno più fast food che case. Le confezioni di snack sono giganti e innumerevoli. Si trova cibo ovunque, e ovunque si vede gente obesa! …però tutti bevono la CocaCola LIGHT 🙂

Ric e Tinto vicini a confezioni giganti di patatine

Ric e Tinto vicini a confezioni giganti di patatine

Siamo arrivati a Cleveland qualche ora fa. Dormiremo al Travelodge Cleveland Lakewood hotel, al 11837 di Edgewater Drive (trovato sul sito travelodge.com, 58 dollari la tripla). Ora usciamo… ci aspetta (forse) una cena di pesce.

Tinto alla guida

Tinto alla guida

Il viaggio procede alla grande, siete sempre di più a seguirci e questo non può che farci piacere. Sono in arrivo nuove “the readers choices” quindi continuate a visitare il blog e ad ascoltarci su Radio Club 103 (ogni mattina, dal lunedì al venerdì, alle 11.00).  
Per ora, dagli Stati Uniti, è tutto! A poi.

Spese del giorno
Generali: 58 $ hotel, 3 $ deodorante auto, 15 $ cartoline e francobolli, 45 $ museo Warhol, 74 $ benzina, 3 $ autostrada (tot 198 $)
Sir: 5 $ colazione, 16 $ adattatore/alimentatore, 3 $ souvenir, 6 $ pranzo, 56 $ cena (tot 96 $)
Ric: 4 $ colazione, 6 $ pranzo, 68 $ cena, 46 $ serata (tot 124 $)
Tinto: 5 $ colazione, 14 $ carte da gioco, 30 $ souvenir, 7 $ pranzo, 62 $ cena, 62 $ serata (tot 180 $)

Km percorsi: 340
Oggetti perduti: 1 felpa (Tinto) 

Frase del giorno: Work is play when it’s something you like (Andy Warhol)
Canzone del giorno: I’ll be missing changes – Puff Daddy vs Tupac

Il percorso fatto fin'ora

Il percorso fatto fin'ora

Pittsburgh

settembre 30, 2008

Giornata tranquilla oggi. Ci siamo rilassati un po’ dopo il ritmo intenso delle grandi città. Non che Pittsburgh sia piccola (ha comunque i suoi 300.000 abitanti) ma è una città a dimensioni più umane rispetto New York e Philadelphia. Qui è nato Andy Warhol, precursore della Pop Art e domani visiteremo il museo dedicatogli.

Uno scorcio di Pittsburgh

Uno scorcio di Pittsburgh

Ci siamo sistemati anche oggi in un classico ostello, economico ma pulito, a 7 km dal centro città (il Motel 6, al 211 di Beecham Drive). La periferia di Pittsburgh è caratteristica e piacevole da girare in auto.

Periferia di Pittsburgh

Periferia di Pittsburgh

Qui stasera c’era il Monday Night della NFL, la National Football League, ovvero una sorta di posticipo, tra la squadra locale, i Pittsburgh Steelers e i Baltimora Ravens. Il football americano qui è seguitissimo (così come l’hockey, il baseball e, negli altri stati, il basket) e tutta la città si ferma per seguire eventi come questo. Abbiamo fatto un giro intorno allo stadio qualche ora prima dalla partita… i biglietti c’erano ma a prezzi proibitivi, così abbiamo rinunciato. Durante la partita, la città era deserta e i pochi bar aperti avevano le tv sintonizzate sul match e le persone presenti, tutte vestite coi colori della squadra. 

Lo stadio di football americano

Lo stadio di football di Pittsburgh durante la partita di questa sera

THE READERS CHOICE n.2
Domani ripartiremo alla volta di Cleveland e da là, andremo a Buffalo (e quindi alle famose Cascate del Niagara) oppure a Detroit, la città di Eminem e dei club underground. A voi la scelta! 
Inserite un commento a questo post e fateci sapere cosa ne pensate. Deciderete voi dove farci andare. Dalla vostra scelta, dipende il nostro viaggio. Siamo nelle vostre mani! 🙂 

Ah, e per tutti i visitatori del blog che passano, leggono e fuggono (ormai siamo sulle 350 visite uniche al giorno)… lasciate un segno del vostro passaggio, anche solo un saluto, a noi fa piacere. Bless!  

Spese del giorno
Generali: 53 $ motel, 17 $ serata, 10 $ parcheggio (tot 80 $)
Sir: 10 $ pranzo, 8 $ cena (tot 18 $)
Ric: 10 $ pranzo, 10 $ cena  (tot 20 $)
Tinto: 10 $ pranzo, 10 $ cena (tot 20 $)
Km percorsi: 220
Oggetti perduti: 1 maglietta (Sir) 

Frase del giorno: Never quit 
Canzone del giorno: Attack – 30 seconds to Mars

Pittsburgh notturna

Pittsburgh notturna