Posts Tagged ‘states’

The End

novembre 12, 2008

A montaggio finito riguardo il filmato del nostro viaggio e mi brillano gli occhi…
Se mi concentro un attimo posso ancora sentire il rumore delle auto in Times Square; le gocce d’acqua sulla pelle alle Cascate del Niagara; vedo gli alberi rossi delle foreste canadesi e il tramonto riflesso su quel lago in Ontario; sento il gusto amaro degli shot di tequila al Coyote Ugly, a Chicago; il vento in faccia sulla Route 66; posso ancora toccare il sangue di Ric sui miei jeans, percepire la tensione di quella notte a Oklahoma City, la rabbia e la determinazione dei giorni successivi, la solidarietà, l’umanità, la forza; e vedo di nuovo gli indiani che cavalcano nel deserto dell’Arizona, rivivo quella fantastica allucinazione; mi manca il fiato, un’altra volta, sul Gran Canyon; e sorrido oggi come allora, sulla spiaggia di Santa Monica, a Los Angeles, guardando il sole tra le palme della California e ringraziando non so chi, non so cosa, per tutto ciò che ho avuto la possibilità di sentire, ascoltare, vedere, …vivere, in questa avventura irripetibile.

Prima di partire sapevamo che sarebbe stato un grande viaggio, ma non fino a questo punto: le foto e gli articoli del blog aiutano a ricordare, a trasmettere parte di ciò che abbiamo vissuto, a condividerlo… ma ciò che ci ha lasciato dentro è un qualcosa di immenso, di indescrivibile, ed è personale, intimo.
Non è stato un semplice viaggio, una vacanza, un’esperienza… ripensando a quei 40 giorni ho come l’impressione di aver vissuto una “piccola vita” all’interno della mia vita. Un’esistenza quasi separata, distinta e indipendente da tutto il resto, tanto grande che è stata.

A questo punto, ulteriori considerazioni sugli Stati Uniti mi sembrano superflue: auguro a loro (e quindi al resto del mondo) di trovare presto le soluzioni necessarie a risolvere le attuali e future crisi economiche e sociali che invadono il Pianeta. Perché se molte cose di quelle che abbiamo visto funzionano e sono eticamente giuste, molte altre no.

Vorrei infine sottolineare l’importanza del viaggiare, aldilà di questa nostra avventura. Se ne potrebbe parlare e scrivere per ore, ma preferisco lasciarvi con una citazione:
“Inizialmente viaggiamo per perderci, poi viaggiamo per ritrovarci. Viaggiamo per aprire il nostro cuore e i nostri occhi e conoscere del mondo più di quello che riesce a stare nei giornali (…) In sostanza, viaggiamo per ritornare a essere dei giovani pazzi, per rallentare il tempo, farci ingannare e innamorarci di nuovo.” (Pico Iyer)

Buon viaggio a tutti! Peace.

Matteo

.

(¯`·.¸¸.·´¯`·.¸¸.-.¸¸.·´¯`·.¸¸.·´¯)

I numeri del viaggio:
15 città
17 stati
42 giorni
9.464 km percorsi
1.442 foto scattate
40 articoli blog
552 commenti
23 registrazioni radio
9 dirette radio
22 articoli giornale
554 presenze su motori di ricerca
394 media visite uniche giornaliere
811 visite uniche record giornaliere (il 20.10.08)
16.543 visite totali (fino al 3.11.08)

La colonna sonora del viaggio:
Last night – Puff Daddy
Sailing to Philadelphia – Mark Knopfler
The eye of tiger – Survivor
No Matter What – T.I.
Attack – 30 seconds to Mars
I’ll be missing changes – Puff Daddy vs Tupac
Oh boy – Buddy Holly
Layla – Eric Clapton
Apologize – Timbaland feat. One Republic
Rise – Eddie Vedder
Di vizi di forma e virtù – Dargen D’Amico
Brothers in arms – Mark Knopler
Fast car – Tracy Chapman
Push & Pull – Nikka Costa
Summer of ‘69 – Bryan Adams
Homecoming – Kanye West feat. Chris Martin
On the road again – Sheryl Crow & Willie Nelson
Silence – Delerium feat. Sarah McLachlan
Kansas City Shuffle – J. Ralph
Mack the Knife – Louis Armstrong
Ly O Lay Ale Loya – Sacred Spirits
Blowin’ in the wind – Bob Dylan
Hey ma – Cam Ron
Hate it or Love it – The Game feat. 50 Cent
To live and die in L.A. – Tupac
California dreamin – The Mamas and The Papas

La canzone del viaggio: Whatever you like – T.I.

La foto del viaggio:

Monument Valley on the mirror

Monument Valley on the mirror

Thanks: le nostre famiglie, il nostro sponsor (X-ide eyewear), i nostri media partner (Dolce Vita magazine e Radio Club 103), Marco Antinarella e il Corriere delle Alpi, Alessandro Bove, Alice Guy, la dott.ssa Robin e tutto lo staff del St. Anthony Hospital di Oklahoma City, Giuseppe Clemente, Marmarole Viaggi, Mondial Assistance, tutte le persone che ci hanno letto e seguito (soprattutto chi ha commentato), Tobia (la “presenza”) e i Kadore Bad Boys.

Halloween in San Francisco

novembre 1, 2008

Una sola parola: whuau! 🙂

Los Angeles

ottobre 30, 2008

Palme, sole, ragazze in bikini, spiagge infinite e l’oceano davanti a noi… siamo in California amici! Nella seconda città più grande d’America, L.A., the City of Angels.

grattacieli di L.A.

grattacieli di L.A.

Qui si trova la mecca del cinema, Hollywood e altri quartieri ultra famosi, palcoscenici di film e serie televisive viste in tutto il mondo. 

La famosa scritta sulle colline di Hollywood

La famosa scritta sulle colline di Hollywood

Dopo un breve giro in centro e un po’ di sano shopping, abbiamo fatto visita agli Universal Studios, una specie di micro-città interamente dedicata al mondo del cinema.   

Tinto agli Universal Studio

Tinto agli Universal Studio

Avendo solo poche ore a disposizione e ritenendo esagerato il prezzo del biglietto d’ingresso alle attrazioni principali (65 $), ci siamo limitati alla parte “esterna” del parco, piena di negozi tematici e piccole curiosità. 

negozi e locali agli Universal Studios

negozi e locali agli Universal Studios

scorcio degli Studios

scorcio degli Studios

L’appuntamento principale della nostra prima giornata a Los Angeles era un altro infatti: la partita di basket dei Lakers, una delle più forti squadre dell’NBA, dove milita tra l’altro Kobe Bryant, attualmente considerato il miglior giocatore del mondo e l’erede di Michael Jordan. 

Avevamo acquistato i biglietti tramite internet diverse settimane fa, pagandoli cari (100 $ l’uno), ma ritenendoci già fortunati: si trattava infatti della partita d’apertura della stagione, quindi particolarmente sentita dai tifosi e dall’intera città. Contro i Portland Blazers.
Ore 19.30, appuntamento al mitico Stamples Center con altri 20.000 sostenitori dei Los Angeles Lakers…

lo Staples Center di L.A.

lo Staples Center di L.A.

Hot dog, birra fresca in mano (carissima, 10 $ per 1 birra media), gadgets della squadra addosso (questi gratis, regalati dalla società) e si va! 

prima della partita

all'entrata, prima della partita

Lo stadio è una bolgia, non si tratta solo di una partita ma di un evento spettacolare. La gente balla, ride, urla… e i Lakers dominano la partita dall’inizio alla fine. Al 3° quarto Kobe “inizia a giocare” ed è show time: 20 punti in dieci minuti con tiri e giocate degne del M.V.P. della scorsa stagione. Il pubblico è in delirio. E’ una festa che dura più di due ore.

la presentazione della squadra

la presentazione della squadra

Durante un time out, le telecamere della regia interna riprendono in sequenza i vip presenti alla partita… Leonardo Di Caprio, Denzel Washington, Jack Nicholson, David Beckham e Arnold Schwarzenegger. Ovazione per tutti tranne che per l’ultimo, che qualche fischio se lo prende. Strana sensazione esser presenti ad un evento con star di questo calibro. 

Finito il match, facciamo un ultimo giro per la città, scattiamo qualche foto e ci ritiriamo in motel.
Qui si sta da Dio, 30 gradi, vento fresco e poca umidità. Big up L.A.! 

Spese del giorno
Generali: 74 $ motel, 12 $ parcheggio Studios, 8 $ parcheggio notte, 200 $ biglietti partita (tot 294 $)
Sir: 136 $ vestiti, 14 $ pranzo, 17 $ taglio capelli, 30 $ cibo e birra partita, 10 $ cena (tot 207 $)
Tinto: 210 $ vestiti, 18 $ pranzo, 30 $ cibo e birra partita, 10 $ cena (tot 268 $) 

Km percorsi: 60

Frase del giorno: Go Lakers! 
Canzone del giorno: Iris – Goo Goo Dolls

Kobe Bryant alla lunetta dei liberi

Kobe Bryant alla lunetta dei liberi

Il nostro secondo giorno a Los Angeles inizia sul molo di Santa Monica… 

il molo di Santa Monica

il molo di Santa Monica

Qui, dopo 3.800 km, termina la storica Route 66, la madre di tutte le strade. Avevamo visto e fotografato il suo inizio a Chicago, l’abbiamo incrociata e percorsa varie volte durante il nostro viaggio ma soprattutto l’abbiamo vissuta, on the road, al 100%, dall’Illinois all’Oklahoma, dall’Arizona alla California, attraverso persone, posti, musiche e odori. Una strada che attraversa gli Stati Uniti da parte a parte, per poi “perdersi” nell’oceano. Una strada che continuerà a vivere nei milioni di persone che l’hanno percorsa, e d’ora in poi, anche in noi.

Oceano Pacifico

Oceano Pacifico

Noleggiate due splendide bike-chopper, abbiamo iniziato il nostro giro sul famoso lungo mare di Santa Monica e di Venice Beach…

i nostri bolidi

i nostri bolidi

lungo mare di Venice Beach

lungo mare di Venice Beach

Qui si fa jogging, si gioca a beach volley, si va in bicicletta o sui roller blade. Ci sono anche mini palestre a cielo aperto, dove i classici Big Jim biondi sfoderano i loro muscoli.
Durante il nostro giro, abbiamo fatto anche un po’ di promozione allo sponsor del viaggio, l’X-ide, conoscendo 2 bagnini di cui pubblichiamo alcune foto per il piacere delle visitatrici del blog. 🙂 

baywatch in L.A.

baywatch in L.A.

lifeguard

lifeguard

In questo periodo non c’è molta gente che frequenta le spiagge, rispetto all’alta stagione, ma qualche temerario che faceva il bagno c’era e domani, probabilmente, tenteremo anche noi (nonostante faccia caldo l’acqua dell’oceano è sempre molto fredda). 

la spiaggia di Santa Monica

la spiaggia di Santa Monica

Dopo due ore, abbiamo riconsegnato le bici e ci siamo concessi un pranzo coi fiocchi: ricordate Bubba, l’amico di Forrest Gump, che nel film è uno specialista di gamberetti?! Bene, qui sul molo di Santa Monica c’è il Bubba Gump, un ristorante dedicato alla storica pellicola e naturalmente al sea food.  

il

il Bubba Gump

Non potevamo che ordinare i piatti della casa ovvero gamberetti cucinati e conditi in tutti i modi possibili. Very good!  

shrimp

shrimp shrimp shrimp

Un breve giro in macchina sul Palisades Park che costeggia l’oceano…

Palisades Road

Palisades Road

sull’Ocean Avenue…

palme a L.A.

palme a L.A.

…e via verso i quartieri interni della città. Visita obbligatoria a Beverly Hills, passando per Rodeo Drive (la via delle star e del lusso), Sunset Boulevard, Bel Air e infine Mulholland Drive.
Il traffico che c’è in questa città penalizza ogni spostamento e anche noi oggi abbiamo perso diverse ore sulle strade “locali” e sulle highway.

il quartiere

il quartiere che ha ispirato il fortunato telefilm

Domani mattina ci faremo qualche ora di spiaggia e mare, prima di ripartire alla volta di San Francisco, la nostra meta.

Ric è partito oggi e domani (oggi per voi che leggete) sarà a casa, in Italia. Vola in 1° classe con la British Airlines, accompagnato da un medico italiano che è venuto apposta negli States per assisterlo durante il viaggio di ritorno. Sta molto meglio e fra qualche giorno saremo di nuovo tutti insieme.

USA & CANADA on the road 2008 è quasi al termine. In certi momenti ci sembra di essere in viaggio da anni, in altri, da pochi giorni. Siamo un po’ stanchi è vero, abbiamo fatto tanta strada e vissuto esperienze che mai avremo pensato, ma non siamo per niente stufi. Abbiamo ancora 600 km da percorrere e una città meravigliosa da scoprire. Restate con noi fino alla fine di questa grande avventura.

Spese del giorno
Generali: 40 $ noleggio bici, 6 $ parcheggio molo, 10 $ parcheggio notte, 74 $ motel (tot 130 $)
Sir: 16 $ souvenir, 34 $ pranzo, 4 $ cartoline, 12 $ cena (66  $)
Tinto: 3 $ cartoline, 34 $ pranzo, 12 $ cena (tot 49 $) 

Km percorsi: 120

Frase del giorno: Stupid is as stupid does!  
Canzone del giorno: To live and die in L.A. – Tupac

L.A. by night

L.A. by night

Pausa viaggio e cambio itinerario

ottobre 9, 2008

Oggi è stata la giornata più tranquilla da quando siamo in viaggio. Abbiamo approfittato dello stop obbligatorio per “ricaricare un po’ le batterie”. Siamo fermi a Sault Ste. Marie (in Ontario), in attesa che ci sistemino il vetro dell’auto. Se tutto va bene domani primo pomeriggio (oggi per chi legge) saremo pronti per ripartire. Questo contrattempo ci ha costretti a rivedere il nostro itinerario: abbiamo deciso di scendere direttamente a Chicago, saltando quindi Minneapolis. Quest’ultima non è una città particolarmente importante del nostro tragitto quindi poco male se non riusciamo a visitarla. Così facendo recupereremo circa 800 km e torneremo a rispettare la nostra tabella di marcia. 

itinerario previsto prima del contrattempo

itinerario previsto prima del contrattempo

il nuovo itinerario

il nuovo itinerario

A questo punto, possiamo anche svelarvi chi dei 3 è riuscito a chiudere l’auto con le chiavi al suo interno: ebbene si, il colpevole è ancora lui… Tinto (Andrea). 🙂
Solo 4 di voi hanno indovinato la seconda THE READERS COMPETITION e quindi come promesso, riceveranno la cartolina da Chicago: Mr Tony S, Sfriz, Riccardo e Brao Brao Ganghi (mandateci il vostro indirizzo su info@dolcevitaonline.it).

Tinto... e le chiavi rimaste chiuse in auto

Tinto... e le chiavi rimaste chiuse in auto

Se tutto va bene, fra qualche giorno saremo sulla storica Route 66 e attraverseremo il cuore dell’America. Dopo Chicago, ci aspettano St. Louis, Kansas City, Oklahoma City, Dallas… ecc ecc. Il viaggio è ancora lungo e noi vogliamo godercelo km per km, rendendovi partecipi il più possibile. Presto infatti lanceremo la seconda THE READERS CHOICE e vi faremo decidere il nostro percorso. Restate collegati quindi, perchè abbiamo bisogno di voi! 

Oggi (giovedì 9 ottobre) siamo sul Corriere Delle Alpi. Potete anche sentirci in podcast QUI (l’appuntamento su Radio Club 103 è ogni giorno dal lunedì al venerdì alle 11.00 di mattina, in diretta il venerdì alle 15.45). Segnaliamo inoltre il passaggio radiofonico su Radio Carisma (Ferrara), Radio Prima Rete (Caserta-Napoli) e Radio Top (Oderzo, Treviso e Pordenone). 

Spese del giorno
Generali: 87 $ motel (tot 87 $)
Sir: 2 $ colazione, 14 $ pranzo, 10 $ varie, 25 $ cena (tot 51  $)
Ric: 2 $ colazione, 18 $ pranzo, 5 $ varie, 18 $ cena, 50 $ serata (tot  93 $)
Tinto: 2 $ colazione, 22 $ pranzo, 4 $ varie, 27 $ cena, 50 $ serata (tot 105 $) 

Km percorsi: 10
Frase del giorno: The happiest circumstances are close to home
Canzone del giorno: Push & Pull – Nikka Costa

Grandi Laghi (Ontario-Canada)

Grandi Laghi (Ontario-Canada)

Siamo in Canada!

ottobre 4, 2008

Apriamo il post di oggi riportando qui il commento di un nostro lettore, uno di voi (inserito ieri). Pensiamo che sia interessante e che meriti attenzione: 

Sono in vena di provocare! So che mi farò molti nemici. Voglio commentare i commenti.
Ma è possibile che la cosa che interessi di più ai lettori siano le cazzate che questi 3 fanno invece di fare qualche considerazione o riflessione sui posti storici che stanno visitando o sugli input culturali e di costume che giornalmente questi 3 cercano di trasmettere? Trovo molto banali e superficiali la gran parte dei commenti (non tutti). Molte volte ripetitivi! Quella che stanno attraversando è l’America dei Kennedy, dei Bush, di Obama, l’America della grande Democrazia, l’America padrona del mondo, l’America guerraiola, l’America con la più grave crisi economica e finanziaria dopo il ‘29, l’America della più grande “bufala” storica dell’11 Settembre, l’America che sta andando alla deriva e che ci può travolgere…
Riflettete gente! Voi ragazzi continuate a “trasmettere”
Superanima

Ci piacerebbe sapere cosa ne pensate a riguardo. Attendiamo curiosi i vostri commenti.

Tornando al report del viaggio… come da titolo, siamo arrivati in Canada!
La dogana tra gli Stati Uniti e il Canada prevede il passaggio di due blocchi doganali (dei rispettivi stati appunto). In entrambi siamo stati sottoposti ad un accurato “interrogatorio” degli agenti di turno, con domande dettagliate sul nostro viaggio ma non solo (tra cui “cosa siete venuti a fare qui? quanto rimanete? quando ripartite? da dove e per dove? cos’avete nelle valigie? cosa fate nella vita? ecc ecc). Siamo “bravi ragazzi” 🙂 e naturalmente non abbiamo avuto nessun problema a passare. 

La prima cosa che abbiamo notato entrando in Canada è la mancanza di fast food e punti di ristoro rispetto agli States. Bene così, tutta salute! 
A 10 giorni dalla partenza, precisi sulla nostra tabella di marcia, eccoci giunti a Toronto, città da 2 milioni e mezzo di abitanti. 

Toronto skyline

Toronto skyline

Una mia grave e costosa dimenticanza (l’alimentatore del mio mac book al motel di Niagara Falls, che comunque forse riesco a recuperare) ci ha costretti a cercare un Apple Store, che fortunatamente abbiamo trovato in breve tempo… W la Apple!

Apple store a Toronto, all'Eaton Center in Yonge Street 220

Abbiamo poi cercato sistemazione per la notte e dopo 2 ore di giri folli per il traffico della città e 6 ostelli completamente pieni, ci siamo arresi all’ennesimo motel (ma costoso come un albergo) 10 km fuori dal centro. Domani visiteremo Toronto che a prima vista sembra una bellissima città, pulita, curata e in forte espansione. La gente che abbiamo visto qui fin’ora, è vestita tutta in modo originale, stiloso. E senza dubbio, sono tutti più in forma degli americani. 🙂 

Toronto city

Toronto city

In serata partiamo verso nord, verso i grandi laghi e la grandi foreste… finalmente into the wild.
Prevediamo qualche camping selvaggio, tanto freddo e colpi di scena! Restate collegati quindi, che noi continuiamo a trasmettere! 🙂
 
Domani (sabato 4 ottobre) siamo sul Corriere Delle Alpi. L’appuntamento su Radio Club 103 invece è per lunedì mattina alle 11 e alle 15.45 in diretta. Bless!

Spese del giorno
Generali: 50 $ benzina, 93 $ motel (tot 143 $)
Sir: 3 $ colazione, 25 $ cena, 99 $ alimentatore mac book (tot 127 $)
Ric: 3 $ colazione, 20 $ cena (tot 23 $)
Tinto: 3 $ colazione, 30 $ cena (tot 33 $)

Km percorsi: 240
Oggetti perduti: alimentatore mac book (Sir), asciugamano e doccia schiuma (Tinto)

Frase del giorno: There is a free room for 3 persons?
Canzone del giornoApologize – Timbaland feat. One Republic

in motel a Toronto

in motel a Toronto

Cascate del Niagara

ottobre 3, 2008

Sveglia alle 9.30, collegamento per la diretta di Radio Club 103, doccia veloce e colazione coi fiocchi… 

Caffè americano e ciambelle

Caffè americano e ciambelle

…e poi via, alle Cascate del Niagara
Iera sera c’eravamo fatti dare alcune indicazioni dal gestore del motel (cosa che consigliamo di fare in quanto la zona delle cascate è molto dispersiva). Cartina alla mano quindi, vestiti pesanti e giacche a vento; lasciata l’auto in un parcheggio free (il Falls Parking in Rainbow Blvd.) abbiamo continuato a piedi, verso il primo punto d’osservazione (il Cave of the Winds). 1 km circa di passeggiata in mezzo al bosco e poi… lo spettacolo, mozzafiato… 

Cascate del Niagara viste da Cave of the Winds

Cascate del Niagara (American Falls) viste da Cave of the Winds

Per Cascate del Niagara si intende precisamente un complesso di tre cascate distinte anche se originate dal medesimo fiume, il Niagara. Iniziano dal versante canadese con le Horseshoe Falls (Ferro di cavallo), separate dalle American Falls (Americana) sul lato statunitense e le più piccole Bridal Veil Falls (Velo nuziale). Le ultime due sono presenti nella foto qui sopra.  
Non sono altissime (57 metri di salto nel punto più alto) ma la quantità di acqua che si muove, gli scenari e la sensazione di forza e potenza che trasmettono, sono indescrivibili.  

Ric, Tinto e Sir sopra le Cascate del Niagara

Ric, Tinto e Sir sopra le American Falls

L’acqua che cade crea nuvole di goccioline sottilissime, che si alzano per decine di metri fino ad arrivare sopra le cascate stesse… 

Il fiume Niagara, poco prima di trasformarsi in cascata

Il fiume Niagara poco prima di trasformarsi in cascata (Horseshoe Falls)

E’ possibile vedere le cascate da vari punti, seguendo un percorso transennato che costeggia fiume e salti…

Sir sopra le Cascate del Niagara

Sir sopra le Cascate del Niagara (American Falls) da Prospect Point

Da qui (quindi dal versante americano) oppure dalla parte opposta (versante canadese) si può prendere un battello che porta fino a poche centinaia di metri dai getti d’acqua…

Cascate

Le Horseshoe Falls (Ferro di cavallo) e il battello in mezzo la "bufera" di acqua

Il costo del biglietto per singola persona è di 12,50 $ è vale proprio la pena…

viste da sotto

Le American Falls viste da sotto, dalla partenza del battello

Prima di salire sulla piccola nave, ognuno viene fornito di un leggero impermeabile… fondamentale pochi minuti dopo. Alla partenza del battello, mentre si va incontro alle cascate, l’adrenalina è alta e una volta sotto, la sensazione è unica e non ci sono parole per raccontarvela…

Ric e Tinto sotto le Horseshou

Ric e Tinto sul battello, sotto le Horseshoe Falls (Ferro di Cavallo)

Le American Falls viste dal battello

Le Horseshoe (Ferro di Cavallo) viste dal battello

Una curiosità: in quello che fu definito Miracolo sul Niagara, Roger Woodward, un ragazzino di sei anni, si gettò deliberatamente dalle cascate a Ferro di cavallo (foto qui sopra) il 9 luglio del 1960, protetto soltanto da un salvagente. Rimase illeso…

Roger Woodward, il bambino miracolato

Roger Woodward, il bambino miracolato

Giornata intensa quindi, una grande esperienza, un grandioso spettacolo della natura! 

Le American Falls viste dal battello

Le American Falls viste dal battello

Ah! Quasi dimenticavo… chi di noi 3 è stato buttato fuori dal museo a Cleveland?
Avete risposto in molti, ma solo 5 di voi hanno indovinato. La risposta esatta era… TINTO (Andrea). 🙂
Complimenti quindi a Cati, Mr Tony S, Michela, Brao Brao Ganghi, Eloisa Big Mama.
A breve, una nuova The Readers Competition…

Potete sentirci in podcast QUI

Un paio di risposte ai commenti…
@ OldG: Sir non sta diventando “vecchio”, si sta semplicemente tenendo per la west coast!
@ Betty: Conto della cena 169 $ ma abbiamo mangiato benissimo.
@ Mommy-to-be: gli adesivi li togliamo noi, ma sono fatti apposto, siamo super organizzati!
@ Elena: nemmeno in quel museo erano permesse le foto, ma ne abbiamo fatte lo stesso anche lì!
@ Rudy: Seattle è troppo lontana rispetto al nostro itinerario, sarà x il prossimo coast to coast.
@ tutti: we love u!  

Spese del giorno
Generali: 58 $ motel, 37,5 $ giro in battello, 39 $ scorta birre (tot 135,5 $)
Sir: 5 $ colazione, 12 $ pranzo, 75 $ felpa + regalo, 20 $ rasoio, 16 $ cd (tot 128 $)
Ric: 5 $ colazione, 12 $ pranzo, 20 $ cinture, 20 $ rasoio, 12 $ cibo extra (tot 69 $)
Tinto: 5 $ colazione, 12 $ pranzo, 60 $ regali, 66 $ cd e borsa, 12 $ cibo extra (tot 195 $)

Km percorsi: 20

Frase del giorno: The nature is a spontaneous overflow of powerful feelings
Canzone del giorno: Layla – Eric Clapton

Tinto e l'arma del "delitto"

Tinto e l'arma del "delitto"

Cleveland e Buffalo

ottobre 2, 2008

Amici ciao! Ieri sera ci siamo trattati bene e dopo 1 settimana di hot dog e schifezze varie, abbiamo cenato in un ristorante deluxe (XO Prime Steaks, al 500 W. di St Clair), pesce, carne, vino rosso italiano e… un conto bello salato! Ma va bene così, ogni tanto ci vuole. Tinto e Ric poi si sono fermati in un locale in centro a fare festa, io sono volato in hotel perchè ero stanco e dovevo aggiornare il blog.

Cleveland by night

Cleveland by night

Questa mattina, a Cleveland, abbiamo visitato la Rock and Roll Hall of Fame, un museo che raccoglie strumenti, vestiti, foto e curiosità di chi ha fatto la storia della musica americana e non solo. Fermarsi davanti al pianoforte di John Lennon e pensare che lui in persona ha toccato quei tasti mentre scriveva Imagine, è stato emozionante. Così come leggere il foglio originale su cui Jimi Hendrix ha scritto Purple Haze o guardare le chitarre con cui Eric Clapton ha suonato assoli da brividi.

Rock and Roll Hall of Fame museum

Rock and Roll Hall of Fame museum

Il testamento di Jim Morrison (foto "abusiva")

Il testamento di Jim Morrison (foto "abusiva")

Come potete leggere dalla didascalia nell’immagine qui sopra, le foto non erano permesse in questo museo. Noi, naturalmente, non abbiamo resistito e qualcuna ne abbiamo fatta, chi in modo più discreto con il telefonino, chi spudoratamente con macchina fotografica e teleobiettivo. Quest’ultimo di noi (che non vi diremo ora chi è dei 3), è stato letteralmente “preso per le strazze” (vestiti) e buttato fuori dal museo (qui non scherzano… lo sappiamo bene ormai). Non vi diciamo chi di noi è “uscito”, perchè… chiediamo a voi di indovinarlo. Ecco quindi il primo…
THE READERS COMPETITION: Chi tra noi ha scattato una foto con la macchina fotografica ed è stato sbattuto fuori dal museo? Matteo (Sir), Andrea (Tinto) oppure Ric? 
Rispondete con un commento a questo post. Chi indovinerà (da qui al prossimo post) vincerà una stilosissima Tshirt dell’X-ide, il nostro sponsor. Good Luck! 😉

Buffalo

Buffalo's girl with X-ide's Tshirt

E’ di oggi anche la nostra prima multa ufficiale: 25 $ per un divieto di sosta. Dobbiamo stare più attenti, shit!

Sir e la prima multa (rido per non piangere)

Sir e la prima multa (rido per non piangere)

Salutata Cleveland ci siamo rimessi in viaggio. Altri 250 km circa ed eccoci arrivati a Buffalo, cittadina sul confine con il Canada, la più vicina alle Cascate del Niagara. Abbiamo trovato (con Booking.com) una buona sistemazione per la notte a Niagara Falls (a 20 km a nord da Buffalo), al Swiss Cottage Inn, un motel a due passi dalle cascate (al 6831 di Niagara Falls Blvd.). Domani è… show time! 

In generale va tutto bene, tranne il tempo che da alcuni giorni non ci dà tregua: vento e pioggia ci accompagnano ovunque, speriamo che nei prossimi giorni migliori altrimenti troveremo parecchio freddo in Canada.

Rain on the window

Rain on the window

Grazie a tutti per l’entusiasmo con il quale ci continuate a seguire. Questo viaggio senza di voi non sarebbe lo stesso! 

Spese del giorno
Generali: 66 $ museo Rock and Roll, 58 $ motel, 3 $ autostrada (tot 127 $)
Sir: 7 $ pranzo, 2 $ autogrill, 23 $ cena (tot 32 $)
Ric: 7 $ pranzo, 6 $ autogrill, 42 $ cena, 7 $ serata (tot 62 $)
Tinto: 8 $ pranzo, 4 $ autogrill, 42 cena, 7 $ serata (tot 61 $)

Km percorsi: 320
Multe: 25 $ (divieto di sosta) 

Frase del giorno: Anything you want, let’s do it. (Jim Morrison)
Canzone del giorno: Oh boy – Buddy Holly

One way... Cleveland

One way... Cleveland

Pittsburgh

settembre 30, 2008

Giornata tranquilla oggi. Ci siamo rilassati un po’ dopo il ritmo intenso delle grandi città. Non che Pittsburgh sia piccola (ha comunque i suoi 300.000 abitanti) ma è una città a dimensioni più umane rispetto New York e Philadelphia. Qui è nato Andy Warhol, precursore della Pop Art e domani visiteremo il museo dedicatogli.

Uno scorcio di Pittsburgh

Uno scorcio di Pittsburgh

Ci siamo sistemati anche oggi in un classico ostello, economico ma pulito, a 7 km dal centro città (il Motel 6, al 211 di Beecham Drive). La periferia di Pittsburgh è caratteristica e piacevole da girare in auto.

Periferia di Pittsburgh

Periferia di Pittsburgh

Qui stasera c’era il Monday Night della NFL, la National Football League, ovvero una sorta di posticipo, tra la squadra locale, i Pittsburgh Steelers e i Baltimora Ravens. Il football americano qui è seguitissimo (così come l’hockey, il baseball e, negli altri stati, il basket) e tutta la città si ferma per seguire eventi come questo. Abbiamo fatto un giro intorno allo stadio qualche ora prima dalla partita… i biglietti c’erano ma a prezzi proibitivi, così abbiamo rinunciato. Durante la partita, la città era deserta e i pochi bar aperti avevano le tv sintonizzate sul match e le persone presenti, tutte vestite coi colori della squadra. 

Lo stadio di football americano

Lo stadio di football di Pittsburgh durante la partita di questa sera

THE READERS CHOICE n.2
Domani ripartiremo alla volta di Cleveland e da là, andremo a Buffalo (e quindi alle famose Cascate del Niagara) oppure a Detroit, la città di Eminem e dei club underground. A voi la scelta! 
Inserite un commento a questo post e fateci sapere cosa ne pensate. Deciderete voi dove farci andare. Dalla vostra scelta, dipende il nostro viaggio. Siamo nelle vostre mani! 🙂 

Ah, e per tutti i visitatori del blog che passano, leggono e fuggono (ormai siamo sulle 350 visite uniche al giorno)… lasciate un segno del vostro passaggio, anche solo un saluto, a noi fa piacere. Bless!  

Spese del giorno
Generali: 53 $ motel, 17 $ serata, 10 $ parcheggio (tot 80 $)
Sir: 10 $ pranzo, 8 $ cena (tot 18 $)
Ric: 10 $ pranzo, 10 $ cena  (tot 20 $)
Tinto: 10 $ pranzo, 10 $ cena (tot 20 $)
Km percorsi: 220
Oggetti perduti: 1 maglietta (Sir) 

Frase del giorno: Never quit 
Canzone del giorno: Attack – 30 seconds to Mars

Pittsburgh notturna

Pittsburgh notturna

Washington

settembre 29, 2008

Ore 22.00, inizia il nostro primo saturday night negli States. Chiediamo informazioni ad una cameriera su dove passare una bella serata e prendiamo la metro fino al luogo indicato. Arriviamo a Farragut North, un quartiere chic di Washington: ci mettiamo in coda all’entrata della prima discoteca che troviamo… sono tutti tiratissimi, tutti vestiti bene. Io ho i pantaloni corti, io non posso entrare. Da nessuna parte. In nessuna delle discoteche della zona. Siamo tesi e nervosi, e parte una discussione dai toni accesi con Tinto sul modo di vestirsi. Camminiamo per mezz’ora urlandoci addosso, in cerca di un locale che accetti il mio abbigliamento. Niente. Fermiamo un taxi e gli chiediamo di portarci da qualche parte… se esiste un posto in città dove si può far festa senza jeans.

E’ la svolta… 5 minuti dopo siamo in una via piena di disco pub e locali pieni di gente, di tutti i tipi (stiamo cercando di recuperare il nome della via). Entriamo in almeno 4 di questi, balliamo un po’, beviamo, facciamo festa, tutto sembra filare liscio quando… alle 2.30 precise, improvvisamente, le luci del locale in qui siamo in quel momento si accendono, la musica finisce e 2 buttafuori giganti iniziano ad urlare “Let’s go out! Let’s go out!” spingendo la gente fuori, di forza. In strada, ci rendiamo conto che succede la stessa cosa ovunque e scopriamo che è così dappertutto qui: a quest’ora, stop discoteche, stop bar, stop festa, stop alcol, stop tutto. Si va a letto, punto. Non ci resta che prendere un taxi e tornare in hotel, contenti per la bella serata ma soddisfatti solo a metà; la festa era appena iniziata, noi si pensava di andare a dormire all’alba. Pazienza, l’America è anche questa… 

American flags...

American flags...

Il modo migliore per visitare Washington è in bicicletta. 
L’avevamo letto, l’abbiamo provato e lo confermiamo. Alle 11.00 siamo pronti per partire con il nostro giro turistico a bordo di 3 mountain bike (noleggiate al Bikeandroll, al 1100 di Pennsylvania Ave). 
Ci dirigiamo subito verso la Casa Bianca e in breve tempo siamo davanti ai cancelli della dimora dei presidenti…

Ric, Sir e Tinto davanti alla Casa Bianca

Ric, Sir e Tinto davanti alla Casa Bianca

Appoggiamo le nostre bici sulla staccionata e ci allontaniamo di 10 metri, verso un gruppo di turisti, per farci fare una foto. 5 minuti dopo torniamo a riprendere i nostri mezzi e in quel momento, un’agente donna ci grida contro frasi che inizialmente non capiamo: la poliziotta è incazzata nera, noi la guardiamo un po’ allibiti. Ci chiede (sempre urlando e tenendosi a distanza di “sicurezza”) perchè abbiamo lasciato le bici incustodite (erano a 10 metri da noi!) e perchè non abbiamo risposto quando lei ha chiesto alla folla di chi fossero (nessuno di noi ha sentito nulla!). Per qualche istante è panico, la folla di turisti è immobile e fissa noi e la poliziotta, che nel frattempo deve aver chiamato i rinforzi perchè intorno a lei ora ci sono 2 pattuglie, un altro agente a piedi e uno in bici.
Rispondo che non siamo americani, che non capiamo bene la lingua e che eravamo a pochi metri dalle bici, solo per farci fare una foto. Infine, mi scuso dicendo che non sapevamo di dover fare diversamente. Il tutto, per fortuna, finisce lì. La poliziotta torna al suo posto, gli altri agenti se ne vanno, noi anche. 
INCREDIBILE ! Ok che questa è la Casa Bianca, ok che questa è la capitale degli Stati Uniti, ok che qui hanno avuto l’11 settembre e gli attacchi terroristici… ma qui, signori, siamo a livelli disumani.
In generale, fin’ora, (specie nelle città) abbiamo avuto la netta sensazione di avere sempre il fiato sul collo e l’esperienza appena raccontata, ne è prova.

Davanti al Lincoln Memorial

Davanti al Lincoln Memorial

Proseguiamo il nostro giro fermandoci al Washington Monument (l’obelisco simbolo della città), al Lincoln Memorial, al Thomas Jefferson Memorial e infine al maestoso Campidoglio.
Un bellissimo percorso, tra parchi, laghetti e strade ordinate. Qui si respira nell’aria l’orgoglio americano. 

L'obelisco visto dal Lincoln Memorial

L'obelisco visto dal Lincoln Memorial

Visitiamo anche il National Air and Space museum (interessante, soprattutto per gli appassionati di aerei), 
ci fermiamo a giocare con qualche scoiattolo…

Scoiattolo a Washington

Scoiattolo a Washington

Scoiattolo e Ric

Scoiattolo e Ric

…e infine ci concediamo un squisito pranzo…

Hot dog

Hot dog

 …prima di riconsegnare le biciclette, salutare Washington e rimetterci in viaggio. 

Davanti al Campidoglio

Davanti al Campidoglio

Dopo circa 2 ore, ci siamo fermati a 150 km da Pittsburgh (la nostra 4° tappa), in un motel a Bedford (Judys Motel, al 3521 di Business 220) una cittadina sperduta nel cuore della Pennsylvania. 
Piacevole serata in un classico pub americano, con biliardi e jude box. Ora andiamo a dormire, più stanchi che mai. Il ritmo del viaggio fin’ora è stato molto intenso, e cercheremo infatti di rallentare un po’ nei prossimi giorni, e soprattutto, di non farci arrestare! 😉   

Spese del giorno
Generali: 75 $ noleggio bici, 5 $ autostrada, 25 $ cinema imax, 48 $ motel, 18 $ serata, 70 $ benzina (tot 241 $)
Sir: 4 $ colazione, 7 $ souvenir, 6 $ pranzo, 15 $ cena (tot 32 $)
Ric: 3 $ colazione, 6 $ pranzo, 15 $ cena  (tot 24 $)
Tinto: 4 $ colazione, 7 $ souvenir, 4 $ pranzo, 15 $ cena (tot 30 $)
Km percorsi: 240

Frase del giorno: Be careful!
Canzone del giorno: No Matter What – T.I.

p.s. Domani, Martedì 29 Settembre, saremo sul Corriere Delle Alpi. 
p.s.2 Vi ricordiamo l’appuntamento su Radio Club 103, dal lunedì al venerdì, ogni mattina intorno alle 11. Oppure in podcast QUI

on the road...

on the road...

We love New York!

settembre 25, 2008

Sono bastate un paio d’ore, qualche sguardo all’insù, un breve giro in auto… e la Grande Mela ci ha conquistati! Che grande città, in tutti i sensi…



Alle 6 di mattina eravamo già in piedi, il jet leg si è fatto sentire pesantemente nonostante la stanchezza della sera prima. Arrivati a Manhattan verso le 10, siamo corsi in cerca di un posto dove fare una tradizionale colazione a base di bacon e uova. Un’ora dopo abbiamo ritirato l’auto che ci accompagnerà per l’intera durata del viaggio: una Toyota 4 Runner, con cambio automatico, niente male! Spesa extra di 600 dollari rispetto al preventivo iniziale per età inferiore ai 25 anni di uno dei guidatori (Andrea). D’altronde non posso guidare solo io… visti i 10.000 e passa km che ci attendono! Saremo quindi in 2, come previsto, ad alternarci alla guida sulle mitiche highways americane. E a proposito di strade, il traffico di NY e dintorni è a dir poco impressionante: camion enormi monopolizzano le corsie, pedoni spregiudicati passano col verde, l’arancione e il rosso, ambulanze con le sirene accese sfrecciano ovunque ogni 5 minuti e i pochi ciclisti impavidi inventano traiettorie impossibili. Nonostante questo, la sensazione che abbiamo avuto è che questa città vive in un “disordine ordinato”, un “caos armonico”, difficile da spiegare con parole diverse. Tutto ha un senso, tutto e tutti sono al posto giusto al momento giusto, incredibilmente. 

 

Diretti verso il Madison Square Garden, siamo casualmente passati davanti al Moma (il famoso museo delle arti moderne) e non abbiamo esitato a parcheggiare l’auto ed entrare (20 dollari a testa per la visita completa). I 5 piani del museo raccolgono opere che vanno dal design (le più interessanti) alla scultura, dalla fotografia alla pittura (le più noiose, Van Gogh escluso). L’atmosfera che si respira è molto vivace, l’organizzazione perfetta. Un paio di scatti curiosi…

  

Dopo 2 ore di “immersione culturale” abbiamo proseguito verso il palazzo dello sport più famoso della città, se non del mondo, dove tra poche ore si sfideranno i NY Rangers e i Tampa Bay Lightning, in una partita di della regolar season di NHL (la lega professionisti hockey ghiaccio): al Madison Square Garden, domani sera, ci saremo anche noi… 3 preziosissimi biglietti sono nelle nostre mani (45 dollari a biglietto e trovarli non è per niente facile). Vi racconteremo il tutto domani.

Proseguendo il nostro tour disorganizzato, abbiamo incrociato la sede del New York Times e la foto con Dolce Vita era il minimo che potessimo fare…

Matteo, Dolce Vita e la sede del New York Times

Matteo, Dolce Vita e la sede del New York Times

Dopo una breve visita all’Empire State Building, la giornata si è conclusa a Ground Zero, il luogo sul quale sorgevano le Torri Gemelle prima dell’11 settembre 2001: attualmente l’intera zona è transennata e ci sono grandi lavori in corso per la costruzione di una nuova torre. A parte questo e a parte tutte le varie teorie e versioni su quel fatidico giorno, siamo comunque rimasti delusi da quanto visto: oltre ad una misera parete dedicata ai vigili del fuoco e agli agenti caduti, non abbiamo trovato traccia di memorie e ricordi del tragico evento che, in un modo o nell’altro, ha segnato l’America e non solo. Ci hanno sempre raccontato che gli americani sentivano ancora molto quel giorno a livello emotivo, ma l’aria che si respirava lì oggi, era di totale indifferenza. O forse, la nostra chiave di lettura è sbagliata, e la loro è semplicemente voglia di ricominciare e di andare avanti.

Ground Zero

Ground Zero

Per vedere New York ci servirebbe 1 mese, ma abbiamo a disposizione ancora solo 1 giorno quindi domani ci daremo dentro! Per ora è tutto, grazie ancora a chi ci sta seguendo, supportando e sta condividendo con noi questa avventura. Non immaginate quanto ci fa piacere leggere i vostri commenti!
Vi ricordiamo l’appuntamento su Radio Club 103, ogni giorno dal lunedì al venerdì, intorno alle 11.00, con le nostri voci in onda.

La frase: “We will never forget”
La canzone: “Last night di P. Diddy”

Ric and NYPD

Ric and NYPD

Let’s go!

settembre 23, 2008

Ciao amici. Eccoci in viaggio!
Piccolo cambio di programma… e siamo a Parigi, all’aeroporto Charles De Gaulle. Il volo della Lufthansa da Venezia a Francoforte era in ritardo così rischiavamo di perdere la coincidenza per New York. Ci hanno così sistemati su un volo dell’Air France e fra poco ripartiremo alla volta degli States con la stessa compagnia, arrivando a destinazione con circa 2 ore di ritardo rispetto al nostro programma. Poco male, a NY saranno le 20.50 (in Italia le 3 di mattina, 6 ore di differenza), avremo quindi tutto il tempo per sistemarci in hotel e uscire per cena. 
A proposito dell’hotel, abbiamo prenotato questa mattina (tramite hotwire.com) un alberghetto a 2 stelle nel New Jersey, al 20 di Frontage Road, Newark, si chiama Howard Johnson Hotel. 80 dollari a notte per la tripla. Ci fermeremo là 2 notti e poi si vedrà (piccola parentesi: al check in, prima di rilasciare la carta d’imbarco per il volo verso gli Stati Uniti, ci hanno chiesto l’indirizzo di dove alloggeremo la prima notte. Senza un indirizzo, non rilasciano la carta d’imbarco, quindi non si parte! Da tenere in considerazione per chiunque volesse partire alla volta degli U.s.a.). 

Il piccolo imprevisto del ritardo volo non ci scoraggia minimamente, anzi, siamo belli carichi. Oggi il Corriere Delle Alpi ha dedicato ampio spazio al nostro viaggio e da domani Radio Club 103 inizierà a raccontare la nostra avventura (dalle 11 alle 12, dal lunedì al venerdì). 

Grazie fin da ora a chi ha iniziato a seguire e lasciare saluti e commenti sul blog. Continuate così! Nei prossimi giorni vi faremo interagire con noi… vedrete! 😉 A breve ci imbarchiamo, quindi per ora è tutto. A presto… anzi, see you soon!  

vista aerea della laguna di Venezia

vista aerea della laguna di Venezia

Tinto (Andrea) con l'articolo del Corriere Del Alpi

Tinto (Andrea) con l'articolo di oggi del Corriere Delle Alpi